Il comizio del lupo

Appartengo ad una generazione che ha visto primeggiare i comizi di piazza rispetto ai forum virtuali. Ricordo da piccolo il piacere che procuravano le schermaglie e capacità oratorie dei contendenti. La partecipazione di massa era favorita anche dal piacere dell’ascolto della parola suasoria ed ammaliante capace di far cambiare anche il flusso elettorale. Però, aldilà della forma avvincente rimaneva la sostanza troppo spesso avvilente di taluni “padroni della retorica sofistica” che ridava i frutti del proprio prodotto: le fregature. C’erano allora, come oggi, agnelli che avevano capito il gioco e sapevano la natura dei promettenti.


Lu cumizziu ti lu lupu

Sicuru ntra lu jazzu

n’agnellu mazzu mazzu

li tissi a nnu lupu

ca sceva trisctu e cupu:

“Mo no mi circà piccè

no mi fidu cchiù ti te.

L’he tittu a lu cumizziu

c’he persu pilu e vizziu

e scte ci è mmuccatu

ca beddu he parlatu.

Ma turnannu ntra lu voscu

pi me ca ti canoscu

ogn’animali scanni,

perciò ti me vabbanni

ca puru comu pupu

tu rimani sempri lupu”.


Il comizio del lupo (traduzione)

Sicuro nel recinto

un agnello magro magro

gli disse ad un lupo

che si presentava triste e cupo:

“Ora non chiedermi perché

non mi fido più di te.

L’hai detto al comizio

che hai perso pelo e vizio

e c’è chi è cascato

perché hai ben parlato.

Ma tornando nel bosco

per me che ti conosco

ogni animale sgozzi

perciò allontanati da me,

perché pure come giocattolo

tu rimani sempre lupo”.

29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Forse qualcuno ricorda ancora “i quattro capponi” del Renzo manzoniano, legati con la testa in giù e soggetti alle passioni rabbiose del Tramaglino che li strattonava in ogni modo seguendo il flusso d