Cerchio e coperchio

Forse qualcuno ricorda ancora “i quattro capponi” del Renzo manzoniano, legati con la testa in giù e soggetti alle passioni rabbiose del Tramaglino che li strattonava in ogni modo seguendo il flusso dei suoi pensieri animati nelle reazioni del personaggio. Eppure, dice il Manzoni, quelle teste: “s’ingegnavano a beccarsi l’una con l’altra, come accade troppo sovente tra compagni di sventura.” Senza entrare nell’agone politico amministrativo monteparanese mi piacerebbe socializzare alcune rime dialettali da me scritte qualche tempo fa in un’occasione similare a livello nazionale. Lo sguardo rimane scanzonato ed ironico ridando ad ogni parte la palma della vittoria che trova la sua apoteosi (senza scandalo) nelle rime conclusive.


Circhiu e tampagnu

Lu circhiu ti nna votti

cuntava quanta botti

pigghjava tlu patrunu

priannu pi ognunu


li cuerpi ti martieddu.

Ti sobbra a cappieddu

già lu tampagnu tunnu

uardava mo lu munnu

pinzannu tra sé e sé:

<<Certu no tocca a me!>>

Lu mesctru ch’era ntisu

cu manu cchiù decisu


cuerpi zziccò a minà

ncapu pur’a quiru ddà

poi rrivatu a paru

quasi comu nutaru


sparteva li mazzati

cu cuerpi assesctati:

nna botta a lu circhiu

l’otra a lu cuperchiu.


E quiri to fitienti

mo sontu cchiù cuntienti

nisciunu rescta sulu

cu si la pigghja nculu.


Cerchio e coperchio (traduzione)

Il cerchio di una botte

contava quanti colpi

prendeva dal padrone

pregando per ognuno

i colpi di martello.

Da sopra quasi cappello

già il coperchio tondo

guardava ora il mondo


pensando tra sé e sé:

<<Di certo non tocca a me!>>

Il fabbro che aveva sentito

con mano più deciso


cominciò a dare colpi

anche sulla testa di quello

poi raggiunta la parità

quasi come un notaio


divideva le mazzate

con botte assestate:

un colpo al cerchio

l’altra al coperchio.


E quei due fetenti

ora sono più contenti

nessuno resta indietro

a prendersela nel didietro.

81 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Appartengo ad una generazione che ha visto primeggiare i comizi di piazza rispetto ai forum virtuali. Ricordo da piccolo il piacere che procuravano le schermaglie e capacità oratorie dei contendenti.